Panoramio is closing. Learn how to back up your data.

Notre Dame"Il Vecchio e il Regno di Saturno"

Fulcanelli dice:Un vecchio intirizzito dal freddo, curvo sotto il tondo del medaglione seguente, s'appoggia, stanco e debole, su di un blocco di pietra; una specie di manicotto avvolge la sua mano sinistra. È facile riconoscere in questa figura la prima fase della seconda Opera, quando il Rebis ermetico, chiuso nel centro dell'Athanor, subisce la sconnessione delle sue parti e procede verso la mortificazione. È l'inizio, attivo e dolce, del fuoco di ruota simbolizzato dal freddo e dall'inverno, periodo embrionale nel quale i semi, chiusi nel seno della terra filosofale, subiscono l'influenza fermentatrice dell'umidità. Sta per cominciare il regno di Saturno, emblema della radicale dissoluzione, della decomposizione e del color nero. Basilio Valentino così lo fa parlare: «Io sono vecchio, debole e malato, perciò sono rinchiuso in una fossa... Il fuoco mi tormenta molto e la morte rompe le mie carni e le mie ossa.» Un certo Demetrio, viaggiatore citato da Plutarco, — i Greci hanno certo superato tutti quanti gli altri perfino nelle smargiassate, — racconta con la massima serietà che in una delle isole da lui visitate presso la costa inglese, si trovava Saturno prigioniero e sepolto in un profondo sonno. Il gigante Briareo (Egeo) è il guardiano della sua prigione. Ed ecco in che modo, por mezzo delle favole ermetiche, autori anche celebri, hanno scritto la Storia!

Show more
Show less
Torino, TO, Italia

Photo details

  • Uploaded on December 8, 2013
  • © All Rights Reserved
    by Roberto Carrieri
    • Camera: FUJIFILM FinePix S2950
    • Taken on 2013/06/15 18:34:39
    • Exposure: 0.007s (1/140)
    • Focal Length: 42.90mm
    • F/Stop: f/11.000
    • ISO Speed: ISO64
    • Exposure Bias: -0.33 EV
    • No flash