2008 8 Mauthausen PER NON DIMENTICARE, camera a gas un uggello di esalazione del gas

Not selected for Google Earth or Google Maps [?]

Comments (15)

mario ghezzi on September 5, 2008

Dedicato a mio suocero Ferdinando Valletti

©Loziofreeride on September 6, 2008

Quante...ma quante persone hanno avuto come ultima immagine questa...

mario ghezzi on September 6, 2008

Ciao Valerio! di seguito ti riporto quanto scritto sul SITO UFFICIALE DI "DEPORTATI.IT"

Testimonianze sulla camera a gas di Mauthausen

A Mauthausen un ruolo importante nelle operazioni di annientamento era ricoperto dalla camera a gas, nella quale veniva utilizzato il gas Zyklon-B: essa venne utilizzata per la prima volta nel maggio del 1942, quando le SS eliminarono con questo sitema 208 prigionieri di guerra sovietici.

Nel corso di 3 anni vennero uccisi nella camera a gas di Mauthausen circa 5.000 deportati, i cui corpi vennero bruciali nell'annesso crematorio.

Tra l'agosto del 1941 e il dicembre del 1944 la camera a gas del castello di Harteim eliminò altri malati, inabili e selezionati provenienti oltre che da Mauthausen anche da Gusen e Dachau.

Le ultime uccisioni di massa avvennero quando ormai la guerra per il nazismo era segnata: tra il 20 e il 29 aprile 1945 vennero uccisi nella camera a gas almeno 650 deportati, e tra questi molti italiani. Altre centinaia di deportati - sicuramente oltre 680, secondo quanto ricostruito da Hans Marsalek - vennero uccisi il 22 aprile 1945 con il gas Zyklon-B nella baracca 31 del sottocampo di Gusen.

Il 29 aprile le SS fecero parzialmente saltare la camera a gas, nel tentativo di cancellare i loro crimini.

©Loziofreeride on September 9, 2008

Brutta pagina di storia... purtroppo anche oggi avvengono eccidi di massa ma nessuno ne parla. :o(

mario ghezzi on September 9, 2008

Si caro Valerio! e proprio così, una brutta storia.

Un saluto a Pamy, Mario.

©Loziofreeride on September 10, 2008

Grazie da parte di Pamy.

Lorenza Ravanetti on September 13, 2008

Rabbrividisco nel leggere sopra poi quanta rabbia ... non sono mai stata in quei posti ma un deportato del mio paese che si è salvato, sta continuando il lavoro di tuo suocero nelle scuole raccontando del suo vissuto nel campo ... ogni anno si reca con le scolaresche a Mauthausen ... per non dimenticare! Grazie Mario

mario ghezzi on September 14, 2008

Mi farebbe piacere sapere il nome di questo signore, magari può essere stato conosciuto da mio suocero.

Se lo conosci ti sarò grato se me lo fai sapere.

Ciao.

Mario.

Lorenza Ravanetti on September 14, 2008

Piero Iotti (http://www.unilibro.it/find_buy/findresult/libreria/prodotto-libro/autore-iotti_piero_masoni_tullio_.htm) ciao Mario, Lorenza

mario ghezzi on September 14, 2008

Ciao Lorenza! mia moglie ti ringrazia.

Mario.

Lorenza Ravanetti on September 15, 2008

Grazie a Voi Mario, si conoscevano? o tua moglie conosce Piero o Pietro Iotti? (Nome esatto è il secondo) ma tutti lo chiamiano Piero. Fammi sapere, grazie per i commenti alle mie foto! Un abbraccio, Lorenza

mario ghezzi on September 16, 2008

No in nessun caso Lorenza anche perchè mio suocero è stato nel campo di Mauthausen nei primi 6 mesi di deportazione poi è stato trasferito nel sottocampo di Gusen (a circa 7 Km da Mauthausen) per altri 12 mesi prima della liberazione, quindi, è improbabile che si siano conosciuti o incontrati.

Abbiamo letto le disavventure e le interessanti e lodevoli iniziative intraprese da Pietro che è senz'altro uno dei pochissimi supestiti viventi che possono ancora raccontare direttamente le atrocità accadute.

Mario.

gichi on December 14, 2008

Pietro Iotti vedi suo filmato www.arcoris.it ùta: Mauthausen vedi wikipedia Pietro Iotti leggi i suoi libri "Sono dov'è il mio corpo" o "Libero sms sono dov'è il mio corpo" Ed Giuntina

mario ghezzi on December 15, 2008

Grazie per il suggerimento.

Mario.

marcopasi on August 31, 2015

salve, vorrei chiedere a chi ha parenti sopravvissuti al lager di mauthausen se potessero a vostra volta chiedere loro se e dove si lavarono in quei terribili mesi. Scusate se la domanda può sembrare inopportuna ma ci terrei a porla, pure io ho avuto un parente deportato in germania, leone onofrio, ma non è più in vita e fortunatamente fu deportato in una fattoria.

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

Photo details

  • Uploaded on September 5, 2008
  • © All Rights Reserved
    by mario ghezzi
    • Camera: Canon PowerShot A80
    • Taken on 2008/08/26 11:52:29
    • Exposure: 0.017s (1/60)
    • Focal Length: 7.81mm
    • F/Stop: f/2.800
    • Exposure Bias: 0.00 EV
    • Flash fired

Groups