Per te padre

Not selected for Google Earth or Google Maps [?]

Comments (59)

© micheleloreto on October 2, 2008

Caro Oliviero, molte delle persone, che ti sono vicine, conoscono il dolore che ora ti pervade e ti confonde. Questa sofferenza che ore ti appare senza ragione, attraverso l’elaborazione, che necessita di ragionevoli tempi, si trasformerà in una consapevolezza dell’eredità morale e della missione, queste immortali, che i genitori affidano ai figli: la memoria. Quella che oggi ti sembra un’esperienza di povertà, sarà una ricchezza da condividere e tramandare. Shalom michele

oliviero masseroli on October 3, 2008

Le tue le sento come le parole di un amico.

Grazie Michele da Oliviero

© Marco De Candido on October 4, 2008
© Carlo Bonaudo on October 4, 2008

OLIVIERO NON CI CONOSCIAMO, è da una settimana circa che frequento questo mondo. Ho intuito, ho letto. Cosa può dire uno sconosciuto per lenire un dolore che solo il tempo può mitigare, mai sopire del tutto. Tuo padre sopravvive (in terra) nel ricordo di quanti lo hanno conosciuto e apprezzato se tramanderanno la memoria. L'oblio, la damnatio memoriae che il tempo condanna gli uomini deve aver vita difficile! Io ho provato tutto ciò dopo anni di malattie 5 e 6 anni addietro, ambedue. Ma sono sempre vivi nel ricordo, nelle preghiere, nel parlarne ai figli e con gli amici, senza divenire paranoico. Una cosa rimpiango e consiglio atutti di avere il coraggio di fare con i genitori. Dire loro, anche quando sono vecchi: Ti voglio bene, come facevamo da bambini. Ne hanno bisogno, noi figli ne abbiamo bisogno. Invece sovente un senso di vergogna, quasi non essere uomini, adulti, ci blocca nel farlo. Ma quando non ci sono più vorresti vederli ancora solo 30 secondi e sussurrare loro queste parole... L'amore vince la morte. La luce che noi usiamo per fotografare è vita. Noi immortaliamo attimi di vita! Sinceramenre Carlo, uno sconosciuto...

Dancos on October 4, 2008

Anche se ci conosciamo poco Oliviero permettimi di unirmi a coloro che in questo tuo periodo di grande dolore, sentono il bisogno di far sentire la loro presenza.

Se me lo concedi, vorrei ringraziare personalmente anche Carlo per le parole appena dette. Niente è scontato, soprattutto i nostri sentimenti. La vita di tutti i giorni ed il nostro orgoglio spesso ci impediscono di dire "Ti amo" sia che si tratti del proprio coniuge, del genitore e persino dei propri figli quelli che di giorno sgridi e di notte ti incanti a guardarli mentre dormono. Oliviero, io non so se tuo padre ti dichiarava il suo amore, ma stai certo che quando eri giovane e dormivi nel tuo letto, Lui era li che vegliava con tenerezza e amore il tuo sonno.

Un abbraccio, Dancos.

Pietro Rapisarda on October 4, 2008

Mi piace pensare, Oliviero, che i nostri cari stiano vivendo in una forma, in una dimensione che non ci è dato conoscere. Forse è solo una illusione che, con la rassegnazione, ci permette di mitigare il nostro dolore, soprattutto quando coloro che abbiamo amato hanno lasciato questa terra in maniera improvvisa o precoce. Permettimi di lasciare un link ad una poesia che ritengo bella e toccante. Ti saluto caramente.

I Vecchi

Pietro

© Carlo Bonaudo on October 6, 2008

Dancos, è vero, vado sempre a guardare i miei figli (maschio e femmina) quando dormono e sto a rimirarli un attimo. Li accarezzo, aggiusto le coperte e torno nella mia camera. Ho studiato dai salesiani. Mi dicevano: guarda i tuoi figli, quando li avrai, quando dormono. Ti scorderai delle fatiche e arrabbiature che sovente ti provocheranno e ti sarà ancora più facile amarli. E' vero! A volte penso quando, tra qualche anno, saranno fuori di casa la sera. Senza essere fatalisti nè indifferenti mi angoscia un tantino... Saluti. Carlo (ho aggiunto qualche immagine sul mio paese, se hai tempo...)

© Carlo Bonaudo on October 6, 2008

Pietro Rapisarda, mi sono concesso di accedere al link sulla poesia che ritieni bella e toccante . Lo è! 10 con lode per averla segnalata. Saluti Carlo

oliviero masseroli on October 6, 2008

Tanti amici da ringraziare su una foto che non è solo una foto.

Ciao Marco de Candido è un piacere anche per mè sentirti.

A Carlo Bonaudo che piu volte si è soffermato cu questa mia foto con una sensibilità inaspettata per queste sue prime visite nella mia galleria.

A Dancos che ringrazio di cuore bper cio che mi ha scritto

a Pietro Rapisarda e al suo omaggio alle persone che amiamo.

Un Grazie infinito , come i vostri pensieri.

Oliviero

© Carlo Bonaudo on October 6, 2008

Oliviero, è sin troppo un grazie! Se desideri clicca qui, è per tuo papàMP3. (Devi solo pazientare qualche secondo). Non a caso le parole e il titolo di quanto udirai. Con sentita vicinanza, Carlo

oliviero masseroli on October 8, 2008

Ciao Carlo

non l'avevo perso, solo che un po preso da mille faccende non ti avevo riposto in merito.

Grazie da Oliviero

oliviero masseroli on November 5, 2008

Grazie a Tonia

e ad Alessio per averla inserita tra le sue stelle gialle.

Oliviero

Andromeda/R. Stetsch… on March 24, 2009

Jesus Christ??? Very good art-portrait. Rosie

Ilda Casati on March 25, 2009

Carissimo Oliviero il dolore per la dipartita del tuo caro papà è inscindibile dal dolore stesso che Gesù vive in prima persona e che questa tua immagine palesa così bene. Non conosco l'opera, ma la si potrebbe attribuire al momento angoscioso che il Figlio patì nell'orto degli ulivi. Il suo sembra uno sguardo supplicante al Padre. Non si era mai trovato così abbandonato da tutti. Ma l'evolversi di tutto è la Resurrezione. Quindi un messaggio strettamente di gioia e di speranza, anche per la cara anima del tuo babbo. Ti ringrazio con un abbraccio fraterno per avermi indirizzato su questa significativa immagine. Sinceramente, Ilda.

Benisius Anu on March 25, 2009

Bravo...

oliviero masseroli on April 11, 2009

Mi Unisco a tutti gli amici di Panoramio con questo mio pensiero per il terremoto negli Abruzzi.

Una luce ...una speranza

Oliviero

Riccardo Massino on April 11, 2009

Uniti nel mantenere accesa la speranza nel futuro.

Io ci sono.

Ilda Casati on April 11, 2009

Grazie Oliviero. Sai che per circostanze di tale statura io sono sempre con te. Il mio pensiero e soprattutto la mia mendicanza di misericordia divina nei luoghi ove essa ora urge, rimangono vividi nel mio cuore. La Resurrezione di questa notte che si avvicina, è foriera di Speranza! Ti abbraccio, Ilda.

Vincenzo -bs- on July 18, 2010

Grazie Oliviero....solo grazie...

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

Photo details

  • Uploaded on September 26, 2008
  • © All Rights Reserved
    by oliviero masseroli

Groups