Liberty palermitano, Chiosco Ribaudo e Teatro Massimo

Selected for Google Maps and Google Earth

Il chiosco Ribaudo (1887) è la degna cornice liberty concepita da Ernesto Basile per il teatro Massimo (1875). La sua particolare struttura unisce la muratura con gli elementi metallici in ferro battuto, con ricercati accostamenti di colore e decori fantasiosi. Ulteriori elementi caratteristici sono il marmo di billiemi per il perimetro esterno e la cupoletta ottagonale tipica delle torri brasiliane, testimonianza dell’esperienza sud americana del Basile. Il chiosco nasce come punto di ristoro per le passeggiate urbane. La consuetudine di consumare bevande durante le passeggiate contribuirono parecchio alla proliferazione nel 1800 di queste costruzioni in posizioni strategiche di strade e piazze dell’assolata città, in primo tempo posticcie, successivamente in muratura, con realizzazioni anche di architetti famosi di quel periodo, come il Basile. Tipico è l’addobbo dei chioschi con limoni ed arance appaiate dalle foglie sempreverdi, il tutto attorniato da giganteschi bicchieri e dalla immancabile presenza del contenitore del bicarbonato per osteggiare l’acidità di stomaco (ù sdegnu). L’acqua fresca viene sempre addizionata con zammù (essenza alcolica all’anice) e per i più esigenti ci sono le bibite imbottigliate di azzusa (gassosa). Il chiosco, oggi adibito alla vendita di tabacchi e valori bollati, mantiene inalterato il suo fascino liberty.


The Ribaudo kiosk (1887) is the best liberty setting designed by Ernesto Basile architect for the Massimo teatre (1875). Its particular structure combines masonry and metal elements made in wrought iron with matching color and imaginative decorations. Additional features are the Billiemi marble used for the outer perimeter and little octagonal dome typical of Brazilian towers, testimony of the South American experience of Basile. The kiosk was established as a point of rest for urban walks. In 1800 the custom of drink during the walking helped a lot to the proliferation of these buildings in strategic locations of streets and squares of the sunny city, in the first time elementary subsequently masonry, with achievements of famous architects of that period, as Basile. The kiosks have typical decorations with lemons and oranges combined with evergreen leaves, all adorned by gigantic glasses and the inevitable presence of the container of baking soda to oppose the stomach acidity (in Sicilian dialect: ù sdegnu). The fresh water is always mixed with zammù (alcoholic anice essence) and the more demanding clients can also find bottled of azzusa soft drinks (soda). The kiosk, now used to sell tobacco and stamps, keeps intact its liberty charm too.


Teatro Massimo

Teatro Massimo - Pronao Corinzio e Scalinata

Show more
Show less
Save Cancel Want to use bold, italic, links?

Comments (2)

mimmo valenti on March 30, 2009

Il chiosco Ribaudo (1887) è la degna cornice liberty concepita da Ernesto Basile per il teatro Massimo (1875). La sua particolare struttura unisce la muratura con gli elementi metallici in ferro battuto, con ricercati accostamenti di colore e decori fantasiosi. Ulteriori elementi caratteristici sono il marmo di billiemi per il perimetro esterno e la cupoletta ottagonale tipica delle torri brasiliane, testimonianza dell’esperienza sud americana del Basile. Il chiosco nasce come punto di ristoro per le passeggiate urbane. La consuetudine di consumare bevande durante le passeggiate contribuirono parecchio alla proliferazione nel 1800 di queste costruzioni in posizioni strategiche di strade e piazze dell’assolata città, in primo tempo posticcie, successivamente in muratura, con realizzazioni anche di architetti famosi di quel periodo, come il Basile. Tipico è l’addobbo dei chioschi con limoni ed arance appaiate dalle foglie sempreverdi, il tutto attorniato da giganteschi bicchieri e dalla immancabile presenza del contenitore del bicarbonato per osteggiare l’acidità di stomaco (ù sdegnu). L’acqua fresca viene sempre addizionata con zammù (essenza alcolica all’anice) e per i più esigenti ci sono le bibite imbottigliate di azzusa (gassosa). Il chiosco, oggi adibito alla vendita di tabacchi e valori bollati, mantiene inalterato il suo fascino liberty.

The Ribaudo kiosk (1887) is the best liberty setting designed by Ernesto Basile architect for the Massimo teatre (1875). Its particular structure combines masonry and metal elements made in wrought iron with matching color and imaginative decorations. Additional features are the Billiemi marble used for the outer perimeter and little octagonal dome typical of Brazilian towers, testimony of the South American experience of Basile. The kiosk was established as a point of rest for urban walks. In 1800 the custom of drink during the walking helped a lot to the proliferation of these buildings in strategic locations of streets and squares of the sunny city, in the first time elementary subsequently masonry, with achievements of famous architects of that period, as Basile. The kiosks have typical decorations with lemons and oranges combined with evergreen leaves, all adorned by gigantic glasses and the inevitable presence of the container of baking soda to oppose the stomach acidity (in Sicilian dialect: ù sdegnu). The fresh water is always mixed with zammù (alcoholic anice essence) and the more demanding clients can also find bottled of azzusa soft drinks (soda). The kiosk, now used to sell tobacco and stamps, keeps intact its liberty charm too.

vedi, see teatro Massimo

vedi, see teatro Massimo, pronao corinzio e scalinata

juncujuncu on June 8, 2009

Le tue descrizioni sono piu dettagliate...ma è una cosa molto bella...

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

Photo details

  • Uploaded on December 3, 2008
  • © All Rights Reserved
    by mimmo valenti

Groups