"Délivrez-nous des malheurs que le blasphère, la profanation des fètes et l'oubli de nos devoirs attirent sur nous" (Questa la preghiera incisa ai piedi della cappellina) - Falicon (Provenza)

Selected for Google Maps and Google Earth

Comments (11)

GIANCARLO TICOZZI on December 14, 2008

Liberaci dal male perchè la blasfemia, la profanazione delle feste ci fanno dimenticare il dovere che ci è stato affidato.

Questo Ilda (con variazione personale) è ciò che mi suggerisce il titolo e si adatta perfettamente alla società odierna perchè sia la domenica ed altri giorni del Signore sono fatti oggetto di tutt'altro fuorché farci capire che -dovremmo fermarci e ringraziare ed il mondo sarebbe sicuramente migliore. Gian

Ilda Casati on December 15, 2008

Ma Gian sei un surrogato di google traslator! Grazie per la traduzione, lievemente personalizzata. Purtroppo anch'io non riesco a riservare uno spazio "centralizzato" alle messe festive nell'arco della giornata. Vado o sul presto, o sul tardi. Insomma la mia messa è in un angolino temporale per sfruttare al meglio le ore di impegno casalingo. Quando sarò vecchia spero di ridare alla santa messa tutto lo spazio che si merita, nel bel mezzo della mattinata, affinché quello sia il "centro" della memoria del giorno della Redenzione. Ti ringrazio tanto. Ilda

GIANCARLO TICOZZI on December 15, 2008

Non... credo Ilda che alla Messa bisogna andarci per forza di cose in centro mattinata di domenica ma importante è, secondo me, rispettare questo giorno dedicato al Signore. La Messa prefestiva del sabato che sostituisce la domenica quella no! e proprio no!. Ringrazio Te, ciao Gian

Ilda Casati on December 15, 2008

Gian di fronte all'istanza della Chiesa di poter assolvere il precetto festivo anche la vigilia, io non mi pronuncio. Sono abituata a sottostare di fronte ad un giudizio autorevole e non introduco mai pareri personali. Ne abbiamo troppi di sedicenti cristiani che avanzano i loro "però, ma, se". Ciò che viene emesso dalla Cattedra di Pietro è inconfutabile e non arbitrario. Non penso che la messa vigiliare (così ora si chiama nella Diocesi di Milano che ha abolito la parola "prefestiva" a partire dal 29/11/08) "sostituisca" la domenicale. Assolve in toto il precetto. Anche perché non dobbiamo dimenticare che nella tradizione cristiana il giorno festivo comincia sempre col vespro della sera precedente. Infatti i vespri della domenica si chiamano "secondi vespri". Invece posso capire chi si reca al sabato risolvendo serie problematiche che lo coinvolgerebbero il giorno dopo. In primis ci sono io. La domenica mi è assolutamente impossibile andare, per ragioni personali che in questa sede non è il caso io esponga. Sai Gian Carlo, se questa permissione (tutto sommato abbastanza recente, di qualche decennio) aiuta le persone ad espletare la festa comandata e l'alternativa per loro sarebbe non andare affatto, che ben venga! La Chiesa si fa incontro in tutti i modi per mitigare le difficoltà, e questo è uno. Spero che tu apprezzi la mia sincerità e questa mia confidenza. Lo sai che tutto è in nome dell'amicizia, per mantenerla vera e senza false impalcature di comodo.

Fraternamente, Ilda.

GIANCARLO TICOZZI on December 15, 2008

cara Ilda ti ringrazio per la Tua sincerità e cio che hai detto: --Non penso che "sostituisca" la domenicale-- è anche un mio pensiero. Certamente che l'ortodossia non ha mai contribuito ad avvicinare ai Sacramenti alcuno, soprattutto i Cristiani cosidetti tiepidi, anzi ha sempre prodotto l'effetto contrario e... ben venga la Messa di Precetto al sabato per le persone che per forza maggiore non possono recarvisi di domenica_, ci mancherebbe altro ed anche noi, di fronte a difficoltà ne abbiamo tratto vantaggio. Io Ilda, che mi creda o no, in tutta amicizia con quell'affermazione "secca" fatta precedentemente mi riferivo a tali persone (e... ne conosco parecchie) che approfittano di questa opportunità per poi essere libere la domenica non perchè impossibilitate da eventi improrogabili ma semplicemente per essere libere e far della festività un qualsiasi giorno di shopping od altro, a proprio scopo di uso e consumo. A questo proposito mi pare che... anche il nostro Santo Padre abbia già dato... randellate. Ri..fraternamente, Gian

Ilda Casati on December 16, 2008

Sono d'accordo caro Gian. Non avevo capito il senso del tuo messaggio precedente. Ti ringrazio tantissimo. Ciao, Ilda.

effeelle on December 16, 2008

...mi sento piccola piccola.....e dico solo: mi piace, la cappelletta dedicata alla Madonna!

Lalla

Ilda Casati on December 16, 2008

La Madonna ti ringrazia cara Lalla.

GIANCARLO TICOZZI on December 17, 2008

Lalla carissima, non puoi sentirti piccola, perchè hai... sicuramente un Cuore grande. Ciao, Gian

Rafael Saludes on December 19, 2008

Ilda, bella preghiera incisa ai piedi della cappellina! Tu sei sempre precisa in tutto!! È cerchi di trovare quello di meglio per conoscere che in nostra vita abbiamo indicativi importanti. Ti sai bene come! Complimenti.

Riceve mio desiderio di un Buon Natale e Felice Anno Nuovo!

Cordiali saluti.

Rafael.

Ilda Casati on December 19, 2008

Rafael ti ringrazio perché hai perfettamente intuito ciò che il mio animo desidera comunicare, andando oltre l'immagine proposta. Questo è molto nobile da parte tua.

Ricambio i tuoi graditi auguri. Vivi un lieto Santo Natale che spero ti arrechi letizia e pace, nella contemplazione di Chi si è fatto carne per noi.

Sinceramente, Ilda.

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

Photo details

  • Uploaded on December 14, 2008
  • Attribution-Noncommercial-No Derivative Works
    by Ilda Casati
    • Camera: OLYMPUS IMAGING CORP. X600,D630,FE5500
    • Taken on 2008/11/03 16:00:52
    • Exposure: 0.003s
    • Focal Length: 5.80mm
    • F/Stop: f/2.800
    • ISO Speed: ISO64
    • Exposure Bias: 0.00 EV
    • No flash

Groups