PIAN CANSIGLIO dal Monte Pizzoc

Selected for Google Maps and Google Earth

Il Monte Pizzoc, fa parte del massiccio del Cavallo-Cansiglio e delle Prealpi Trevigiane, in Comune di Fregona, ha un’altezza di 1.565 metri, non poco, considerando che è fronte pianura.

*La salita, attraversa una fitta e bella foresta, di faggi secolari.

*In cima, se la giornata è limpida, un panorama vastissimo e di assoluta bellezza! La vista si estende per 100-250 km, fino al Mare Adriatico e i primi contrafforti dell’Appennino.

*Ai piedi del monte: Vittorio Veneto, l’antica Ceneda, la Valle dei Laghi di Revine, la Schiena del Drago, una serie di colline dall’orografia corrugata.

*Dalla cima: la Piana del Cansiglio, il Monte Cavallo, il Col Visentin. E le Dolomiti: Monte Pelmo, Monte Civetta, Piz Boè del Gruppo del Sella, Monte Agner, Monte Vezzana, per citare solo alcune cime.

*Sul bordo Nord: magnifica vista sulla Val Lapisina, il Lago Negrisiola, il Lago del Restello, il Lago Morto, il Lago di Santa Croce, la valle del Piave, i monti dell’Alpago.


Il Cansiglio

*La Foresta del Cansiglio, con i suoi 5800 ettari di superficie, è la seconda foresta italiana, prevalentemente costituita da Faggi e Abeti Rossi. La zona è un paradiso naturale per l’escursionismo, con le sue mulattiere e sentieri ben curati.

*Il Pian Cansiglio, è un altopiano di origine carsica, situato a 1000 metri di quota, una conca chiusa tra il Monte Pizzoc, il Monte Millifret e il Monte Cavallo. Prevalentemente adibita a pascolo.

*Sono presenti numerose forme di carsismo: doline, inghiottitoi e caverne , come il Bus de la Lum (180 metri), il Bus della Genziana (585 metri), l’Abisso del Col della Rizza (794 metri), oltre ad un’infinità di altri minori.

La Storia

*Numerose punte di selce fanno risalire le prime presenze umane ad oltre 10.000 anni fa, a quel tempo il Cansiglio era zona di caccia.

*La prima menzione storica, la troviamo nel 923, quando l'imperatore Longobardo Berengario I, donò al vescovo di Belluno alcuni territori attorno al Cansiglio.

*Nel 1404, Belluno e il Cansiglio passarono sotto il dominio della Serenissima.

*Nel 1548 la Repubblica di Venezia vi insediò un Capitano Forestale, per controllare lo sfruttamento delle risorse boschive, utili per la realizzazione di imbarcazioni. La cosa ostacolò particolarmente le attività tradizionali, basate sulla pastorizia, e le continue lamentele dei locali portarono alla creazione di Mezzomiglio, un'area dove era permesso il pascolo. In seguito furono emanati provvedimenti meno rigidi, cosa che provocò il degrado della foresta.

*Sul Pian del Cansiglio sopravvive un’isola linguistica cimbra. Fanno parte della stessa stirpe dei Cimbri dell'Altopiano di Asiago. Giunsero nel 1707, erano costruttori di scatole in legno di faggio. Le migrazioni si fecero stabili con l'arrivo di Napoleone, la comunità cimbra dei Settecomuni si trovò in difficoltà a causa della perdita degli antichi privilegi che, sin dal medioevo, le avevano garantito una certa autonomia. Attualmente il loro numero, dalle 280 unità censite nel 1877, è fortemente diminuito e la sopravvivenza della comunità è messa a repentaglio soprattutto a causa della scarsa tutela culturale.

*I villaggi cimbri dell'altopiano sono Vallorch, Le Rotte, Val Bona, Pian dei Lovi, Canaie Vecio, Pian Canaie, Campon, Pian Osteria e I Pich. Molti di questi villaggi sono costituiti da pochi fabbricati talvolta ridotti allo stato di ruderi e la maggior parte sono abitati solo stagionalmente.

*Caduta Venezia, nel 1797, il bosco decadde ulteriormente perché del tutto indifeso e preda di abusi e sciacallaggi. Passato poi al Regno d'Italia, il Cansiglio divenne proprietà demaniale.

*Il Cansiglio è popolato da oltre 3000 cervi, dicono che siano troppi, spostarli in altre zone è costoso, quindi è stato deciso di abbattere circa i 2/3 in tre anni. Le accuse: mangiano il foraggio destinato al bestiame e rovinano il bosco. Forse pochi ricordano, che negli anni 80, un parassita infestò gli abeti rossi del Cansiglio, che erano tantissimi, monumentali (con altezze di decine di metri) e bellissimi. Con varie motivazioni, non furono salvati con prodotti disinfestanti, si preferì abbatterli, come adesso con i cervi, che per quanto danneggino il bosco, non lo faranno mai come quel parassita. Ma purtroppo, abbattere alberi e cervi, da un profitto, mentre salvarli costa.

Show more
Show less
Save Cancel Want to use bold, italic, links?

Comments (45)

Passator Cortese PH on February 28

Lucien, thank you very much for the beautiful comment and Like + YS!

Greetings from Italy, Francesco.

Ivan Logvinov on March 26

Gorgeous landscape!
Like!
A big hello from Russia!
Ivan.

Passator Cortese PH on April 23

Ivan, many thanks for the pleasant comment and Like!

Best greetings from Italy, Francesco.

thisisdr on May 14

Excellent panoramic view and picture

YS 10 + Like 24

Best wishes from India, Anand

Anand, thank you very much for the appreciated comment and Like + YS!

Best wishes from Italy, Francesco.

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

Photo details

  • Uploaded on March 14, 2009
  • © All Rights Reserved
    by Passator Cortese PH
    • Camera: Konica Minolta Camera, Inc. DiMAGE A2
    • Taken on 2007/07/25 14:51:45
    • Exposure: 0.003s (1/400)
    • Focal Length: 23.51mm
    • F/Stop: f/7.100
    • ISO Speed: ISO64
    • Exposure Bias: -0.30 EV
    • No flash

Groups