AVIANO AIR BASE - Foto aerea alta risoluzione

Selected for Google Maps and Google Earth

Aviano Air Base è un aeroporto militare italiano, da tempo utilizzato dall'USAF, l'aeronautica militare statunitense. Si trova in Friuli, nel comune di Aviano, ai piedi delle Prealpi, 15 chilometri a nord di Pordenone. Nella base ha sede il 31st Fighter Wing dell'aeronautica militare statunitense, a sua volta parte dell'USAFE (United States Air Forces in Europe). La base, dal 1992 al 1º novembre del 2005, fu anche il quartier generale della Sixteenth Air Force, ora situata Ramstein.


Storia

Quello di Aviano è uno dei più vecchi aeroporti militari italiani: venne realizzato per le forze aeronautiche militari del Regno d'Italia nel 1911. Con l’esigenza di creare una nuova scuola di volo, lo Stato Maggiore dell'Esercito decise di utilizzare le praterie di Aviano, caratterizzate da terreno pianeggiante, assenza di ostacoli ed ottime condizioni atmosferiche, quale sede del nuovo aeroporto.

Prima guerra mondiale L'Italia utilizzò l'aeroporto di Aviano come base delle Squadriglie da bombardamento, alle dipendenze del Comando Battaglione Aviatori di Pordenone. La posizione strategica ne fece base principale per le missioni contro le forze austro-germaniche che combattevano sul Cadore, sul fronte dell'Isonzo, con azioni che si spinsero fino a Lubiana e Pola. Alla fine di ottobre del 1917, con la disfatta di Caporetto, gli Austro-Ungarici occuparono tutto il territorio fino al fiume Piave e presero possesso dell'aeroporto. Da esso partivano gli aerei austriaci diretti a bombardare, spesso di notte, le città italiane. Nel 1919 il nome della base venne cambiato in aeroporto "Pagliano e Gori". Nel 1923, con l'istituzione della Regia Aeronautica l'aeroporto venne espanso e nel 1937 divenne la base del 16º Stormo da bombardamento.

Seconda guerra mondiale Sia prima che durante la seconda guerra mondiale, l'aeroporto ebbe un enorme sviluppo, con la costruzione di nuove palazzine e nuovi hangar (tuttora visibili). Erano presenti due piste di volo, una per il gruppo operativo e una per la scuola bombardamento. Molti nomi che poi scrissero la storia dell'aeronautica passarono da Aviano per effettuare la transizione sul velivolo S-79. Dopo l'armistizio dell'8 settembre sia la Aviazione Nazionale Repubblicana (ANR) che quella tedesca, la Luftwaffe, effettuarono missioni dall'aeroporto "Pagliano e Gori", per contrastare i bombardieri alleati, in rotta tra le basi della Puglia e la Germania. Identificato come obiettivo, il "Pagliano e Gori" fu pesantemente bombardato dagli alleati, fino a renderlo inutilizzabile. Le forze britanniche catturarono la base nel 1945 per impiegarla operativamente fino al 1947, quando il 51º Stormo dell'Aeronautica Militare riprese a volare da questo aeroporto. La base negli anni cinquanta fu notevolmente ridimensionata e una parte di essa venne ceduta all'Esercito Italiano, che vi installò il 132º Reggimento carri e intitolò la caserma a Salvatore Zappalà.

Base NATO Nel 1954, il governo statunitense e quello italiano firmarono un accordo (Status of Forces Agreement) per l'utilizzo congiunto della base che divenne così una base Nato. Il quartier generale della United States Air Forces in Europe ufficialmente attivava il campo aeronautico il 15 febbraio del 1955. Negli anni dal 1950 al 1990, Aviano ospitava a rotazione squadriglie di caccia, in supporto dei compiti assegnati alla Nato e dei dispiegamenti della Air Force con compiti di esercitazione nell'impiego delle armi. Durante lo stesso periodo la base è stata un avamposto nello scacchiere centro-meridionale orientale dell'Europa.

Durante gli anni dal 1990 al 2005 e poi nel 2011 per le operazioni libiche la base ha ospitato aerei radar Airborne Warning and Control System (di pattuglia sul mare Adriatico), intercettori F-16 con il compito di difendere la base e l'Italia settentrionale, "gun-ship" montate su aerei da trasporto Hercules C-130, caccia-bombardieri F-15 ed aerei controcarro A-10 e A06 che hanno svolto compiti di bombardamento strategico e tattico nella ex-Jugoslavia.

Unità statunitensi nella base Attualmente Aviano ospita il 31st Fighter Wing (31 FW), che forma parte della United States Air Forces in Europe, uno dei maggiori comandi dell'USAF e anche la componente aerea dello United States European Command, uno degli Unified Combatant Command del Department of Defense.


Al di la della valenza militare, per gli appassionati di aerei ad alte prestazioni, è sempre un grande spettacolo assistere alle esercitazioni che periodicamente vi si svolgono.

Show more
Show less
Save Cancel Want to use bold, italic, links?

Comments (6)

romulus111 on April 10, 2012

Ładne panoramiczne spojrzenie z lotu ptaka like Greetings Romulus

Passator Cortese PH on April 12, 2012

Romulus, many thanks for the appreciated comment and Like!

Greetings from Italy, Francesco.

Prasenjit Nag on May 2, 2012

Fantastic Runway Panorama!!

Awesome Ariel Photography!

LIKE

Warm Wishes Prasenjit

Passator Cortese PH on May 5, 2012

Prasenjit Nag, many thanks for the beautiful comment and Like!

Best wishes from Italy, Francesco.

Ivan Logvinov on January 22, 2013

Nice view!
Like!
Best wishes from Russia!
Ivan.

Passator Cortese PH on February 9, 2013

Ivan, thank you for the pleasant comment and Like!

Best wishes from Italy, Francesco.

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

Photo details

  • Uploaded on September 8, 2009
  • © All Rights Reserved
    by Passator Cortese PH
    • Camera: FUJIFILM FinePix S100FS
    • Taken on 2009/09/08 16:20:51
    • Exposure: 0.010s (1/100)
    • Focal Length: 101.50mm
    • F/Stop: f/5.600
    • ISO Speed: ISO100
    • Exposure Bias: -0.33 EV
    • No flash

Groups