Dopo il Pukur - Bangladesh

Unmapped photos are not selected for Google Earth or Google Maps

Comments (9)

oliviero masseroli on September 19, 2009

Quattro semplici immagini che ci invitano ad andare oltre lo scatto iniziale, per mostrare i dettagli del momento che abbiamo di fronte, per non fermarci alla banalità che a volte racchiude il primo scatto. Il mio commento non vuole insegnarvi nulla ma solo invitarvi ad osservare con emozione quel che la vita ci riserva ogni giorno.

A tutti gli amici che la leggeranno un grazie da Oliviero

Braggion Andrea on September 19, 2009

foto che rappresentano un mondo che noi non conosciamo o vediamo distante...tu ci fai conoscere una realtà dai più ignorata...

oliviero masseroli on September 19, 2009

Ti ringrazio Andrea e aggiungo che mi hai preso al volo su questa foto. Lo postata proprio ora.

Un caro saluto da Oliviero

pivapao on September 19, 2009

Oliviero, non ci dai un momento di tregua con queste tue foto eccellenti! Il tuo tentativo di mostrare la bellezza del particolare è ammirevole, ma (perdonami) non mi convince. I particolari sono belli, ma l'insieme mi piace molto di più. :-))

Due domande mi vengono spontanee:

1°) Pukur ha a che fare col fango (come fa pensare quello che il bambino ha sul corpo)?

2°) Mi hai più volte detto che non avresti osato scattare certe mie foto per una forma di riguardo verso la persona. Capisco che è più difficile fotografare gli europei che gli indiani, ma dal punto di vista del riguardo non mi sembra ci sia differenza. Sei d'accordo ?

oliviero masseroli on September 19, 2009

Grazie Paolo e grazie per le tue considerazioni interessanti.

Pukur è il nome dei laghetti o forse sarebbe meglio dire stagni, presenti un po ovunque in Bangladesh. LI si pesca, ci si lava, si gioca, si lavano i panni, si allevano le anatre e molto atro ancora.

Il mio "freno" fotografico verso la persona riguarda come dici tu gli occidentali. Qui è molto piu difficile ottenere foto di primi piani. Ste benedetta privaci ha montato la testa un po a tutti e sono tutti premuniti. Nei paesi lontani, come ad esempio il Bangladesh la fotografia è spesso vista come un motivo di interesse per la persona e quindi addirittura gradita e richiesta. Come si usa dire: "il mondo è bello perchè è vario".

Ciao da Oliviero

pivapao on September 19, 2009

Ed io ringrazio te, Oliviero, per la tua pazienza nei miei riguardi!

Per la privacy, vorrei aggiungere che ho notato un piacere quasi "indiano" dei miei compaesani (arquatesi) a lasciarsi riprendere... Alcuni addirittura vorrebbero mettersi in posa... cosa che io aborro ovviamente! :-))) Mi sembra di aver letto che anche al tuo paese è così.

Tutto dipende dallo sguardo che dai alla foto.

Sandro & Cristina on September 19, 2009

Come sai fare tu Oliviero, anche questa volta ci hai mostrato una serie molto interessante, i dettagli sono splendidi, lo sai già, ma ti rinnoviamo i nostri complimenti. Ti ringraziamo inoltre per continuare a mostrarci un mondo che non conosciamo, ma che attraverso le tue foto, piano piano incominciamo a conoscere ed apprezzare sempre di più.

Ciao Sandro & Cristina

©Luigi Petrazzoli on September 19, 2009

Grazie, Oliviero. Le tue foto parlano più delle parole.

Ciao. luigi

oliviero masseroli on October 1, 2009

Un saluto e un grazie per la visita su questa foto a:

Alberto Parma

Luigi Petrazzoli

Sandro e Cristina

pivapao

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

This photo is currently not mapped.

Suggest location

Photo details

  • Uploaded on September 18, 2009
  • © All Rights Reserved
    by oliviero masseroli
    • Camera: FUJIFILM FinePix S6500fd
    • Taken on 2009/07/22 16:43:37
    • Exposure: 0.008s (1/120)
    • Focal Length: 14.00mm
    • F/Stop: f/3.600
    • ISO Speed: ISO400
    • Exposure Bias: 0.00 EV
    • No flash

Groups