2010, Torino, la Mole Antonelliana

Selected for Google Maps and Google Earth

Comments (28)

« Previous12Next »
esse est reminisci on December 29, 2011

Mi piace questa interpretazione con una bipolarità di forze opposte, centrifuga e centripeta. Io avrei molto da dire su questo argomento, avendo vissuto in tempi diversi esperienze esistenziali sia a Napoli, terra di mio padre, che in Romagna, terra di mia madre. Non so se sia possibile sintetizzarvi le mie idee,ma ho l'impressione che spesso la napoletanità, come sentimento sia molto ambivalente, un misto di odio e amore per la propria terra, di idealizzazione talvolta viscerale e pregiudiziale, o, al contrario, di iper autocritica. Credo però che questo faccia parte delle generazioni meno giovani. Mi pare che i giovani siano più aperti, molto meno ambivalenti, più realisti e meno campanilisti. Riconosco che l'analisi è molto complessa perché la questione presenta molte sfaccettature...

annamaria penna on December 30, 2011

Si Silvana, tutti andarono via, fecero bene? Erano gli anni di Berlinguer, c'era tanto entusiasmo, qualcuno ci credette persino...

annamaria penna on December 30, 2011

voglio dire se uno sceglie di andare in una direzione "idealistica" dovrebbe essere coerente con la propria scelta: quella dei comunisti era quella di lottare, non quella di mollare tutto ( a ragione anche) e andare via.

Giovanni Mirgovi on December 30, 2011

Annanaria, come canta De André: "morire per delle idee, si, ma di morte lenta..."

annamaria penna on December 30, 2011

..ma non affumicata pero' visto che si avvicina l'ultimo dell'anno..non fa una buona rima, ma vabbe'. In ogni caso la canzone li' era un'altra e non (l'avevo scritta io)e tutti in coro canatavano cosi': fischia il vento e infuria la bufera, a scarpe rotte pur bisogna andare a conquistare la nostra primavera

Giovanni Mirgovi on December 30, 2011

La conosco bene questa canzone, Annamaria. E la primavera era rossa, non nostra...

annamaria penna on December 30, 2011

hai anche tu allora un passato da dimenticare? scherzo e spero che tu non ti offenda, perche# si dice scherza con i fanti e lascia stare i ...santi

Giovanni Mirgovi on December 30, 2011

No, il mio passato non è da dimenticare. Forse è semplicemente passato. Sono cambiate tante cose e sono cambiato molto anch'io, ma non al punto di voler dimenticare quello che è stato. Nel bene e nel male. Ascoltare quella canzone (e anche quella di De André) a volte mi emoziona ancora...

« Previous12Next »

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

WorldItalyPiedmont

Photo taken in I Giardini Reali, Viale I Maggio, 10124 Turin, Italy

Photo details

  • Uploaded on June 14, 2010
  • © All Rights Reserved
    by Giovanni Mirgovi

Groups