acquedotto vanvitelliano

Selected for Google Maps and Google Earth

Comments (4)

samarcanda on August 12, 2010

vicino a CAIVANO

Agostino Lo Presti on March 15, 2011

Questo acquedotto NON è affatto di epoca romana, bensì molto più recente, in quanto è di Luigi Vanvitelli. - Ti prego vivamente di coler apportare le dovute correzioni! - Complimenti per le tue ottime fotografie!

samarcanda on March 17, 2011

L'Acquedotto Carolino (noto anche come acquedotto di Vanvitelli) è l'acquedotto, nato per alimentare il complesso di San Leucio (Caserta), e che fornisce anche l'apporto idrico alla Reggia di Caserta (o meglio alle reali delizie costituite dal Parco, dal Giardino Inglese e dal Bosco di San Silvestro), prelevando l'acqua alle falde del monte Taburno, dalle sorgenti del Fizzo, nel territorio di Bucciano (BN), e trasportandola lungo un tracciato che si snoda, per lo più interrato, per una lunghezza di 38 km. Il condotto, largo 1,2 m ed alto 1,3 m, è segnalato da 67 torrini, costruzioni a pianta quadrata e copertura piramidale destinate a sfiatatoi e ad accessi per l'ispezione.

I lavori dell'acquedotto, progettato da Luigi Vanvitelli su commissione di re Carlo di Borbone (da cui l'appellativo di Carolino), presero il via nel marzo del 1753. Il 2 agosto 1754 re Carlo conferì ad Airola il titolo di città come ricompensa formale per lo sfruttamento delle sorgenti di Bucciano, che all'epoca era un casale della stessa Airola. L'opera compiuta fu inaugurata il 7 maggio 1762.

Di particolare pregio architettonico e dal 1997 patrimonio mondiale dell'UNESCO (assieme all'intero acquedotto, alla reggia di Caserta e al complesso di San Leucio) è il ponte, a tutt'oggi perfettamente conservato, che attraversando la Valle di Maddaloni congiunge il monte Logano (ad est) con il monte Garzano (ad ovest). Tale costruzione, comunemente nota come I ponti della valle, si innalza con una possente struttura in tufo a tre ordini di arcate per una lunghezza di 529 m e con un'altezza massima di 55,80 m, sul modello degli acquedotti romani.

Dalla grotta artificiale posta a conclusione del grande parco progettato dal Vanvitelli e completato dal figlio Carlo, una diramazione conduce all'edificio Belvedere, la celebre filanda - reggia voluta da Ferdinando IV per la produzione e tessitura della seta, realizzata recuperando l'antico casino cinquecentesco degli Acquaviva, che ancora conserva i giardini di impronta rinascimentale arricchiti da gruppi scultorei e fontane, nonché i giardini del XIX secolo dove una grande cisterna accoglie le acque del Carolino per far funzionare il "rotone ad acqua" della filanda. E infine, dopo aver attraversato il Bosco Vecchio, un ramo del Carolino raggiunge Carditello, fattoria modello voluta sempre da Ferdinando IV Grazie per i complimenti alla foto.(per <romano> intendevo lo stile architettonico)

Domenico Sergio Anto… on June 13, 2012

trovate sul mio profilo foto di San Leucio

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

Photo details

  • Uploaded on August 12, 2010
  • Attribution-Noncommercial-Share Alike
    by samarcanda
    • Camera: EASTMAN KODAK COMPANY KODAK EASYSHARE C433 ZOOM DIGITAL CAMERA
    • Taken on 2010/07/22 04:20:01
    • Exposure: 0.004s (1/250)
    • Focal Length: 6.00mm
    • F/Stop: f/2.700
    • ISO Speed: ISO80
    • Exposure Bias: 0.00 EV
    • No flash

Groups