Auschwitz -Birkenau viaggio all'inferno

Selected for Google Maps and Google Earth

Comments (9)

pier-luigi-conti on January 3, 2008

Questa fotografia mi fa gelare, penso che probabilmente alcuni dei deportati, dopo giorni e giorni di viaggio infernale alla vista dell'ingresso hanno pensato "finalmente siamo arrivati" - ti rimando al commento che ho lasciaro ad una fotografia di Alberto Parma il perimetro della morte

ciao, non volevo rattristarti - OTTIMI I TUOI SCATTI

Luigi

Delete

©marica ferrentino on January 3, 2008

io penso che chiunque è stato in quel posto con la macchina fotografica,ha scattato in punta di piedi,ti dico che anche il rumore dello scatto era forse inopportuno per il silenzio che impone la sacralità dei luoghi. Io ho voluto riportarmi a casa tutta la testimonianza dell'orrore per diffonderla e, nel mio piccolo, aiutare a non dimenticare. Mi fa piacere constatare che tanti altri hanno fatto come me e spero che in molti guardandino queste foto. Come si fa a non rattristarsi al solo pensiero. Grazie per i complimenti,ciao Marica

caputmallei on January 6, 2008

ti senti il peso del mondo, in punta di piedi stella gialla

Enzo Patino on January 12, 2008

ho provato le tue stesse emozioni a Monte Sole con un silenzio irreale in una bellissima giornata di sole: non con tristezza però, ma con la gioia di poter raccontare ai miei figli quei posti, l'impegno a non dimenticare. In una speranza di Pace.

Enzo Patino on January 26, 2008

ciao Marica ho usato questa tua foto per un lavoro dei ragazzi a scuola. Non so come inviartela, è qui:, salvala e pubblicala tu, dopo cancellerò l'elaborazione. scusami per il_"furto"_ grazie, Enzo

mario ghezzi on October 29, 2008

Hai ragione Marica ! in questi posti il silenzio è doveroso...ho provato la stessa sensazione a Mauthausen scattare le foto quasi mi sembrava di disturbare.

Mario.

vintila on May 23, 2009

a tragedy that must be always remembered...i'll add you to my favourites!

migueljv on November 16, 2009

Bella foto de una historia terrible.

cw0069 on December 18, 2009

Labor camps in communist cuba are a lot less elegant than this one. The slogan "work will make us free" seems taken from the castro's repertoire of communist slogans. Actually lenin had a similar one "he/she who does not work does not eat", obviously less elegant. Soon mico-mandante in venezuela will start building hundreds of these. The parallels of castro, chaveztia and Hitler are close. Almost always death is better than communist slavery.

Eso de "el trabajo nos hará libres" me suena a consignas como las de los castro. Los campos de trabajo forzado de cuba son menos suntuosos q este. Ya pronto mico-mandante también construirá algunos cientos de ellos. Los paralelos entre el coma-andante, mico-mandante y Hitler son bien cercanos. Casi siempre es mejor la muerte q la esclavitud comunista.

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

Photo taken in Memorial and Museum Auschwitz-Birkenau, Więźniów Oświęcimia 20, 32-603 Oświęcim, Poland

Photo details

  • Uploaded on September 3, 2007
  • © All Rights Reserved
    by ©marica ferrentino
    • Camera: NIKON E2200
    • Taken on 2005/07/14 14:04:21
    • Exposure: 0.002s
    • Focal Length: 13.10mm
    • F/Stop: f/4.500
    • ISO Speed: ISO50
    • Exposure Bias: 0.00 EV
    • No flash

Groups