CHIESA DEGLI AFFLITTI

Selected for Google Maps and Google Earth

Comments (2)

sanprocopio on April 23, 2011

IL SANTUARIO DELL'ADDOLARATA E' STATO VOLUTO DALLA SANTA VERGINE CHE ANDO' IN SOGNO AL CONTADINO FRANCESCO BRESCIA, LA QUALE GLI INDICO' IL LUOGO DOVE COSTRUIRLO.

sanprocopio on April 24, 2011

luogo dove erge il santuario dedicato alla Madonna Addolorata, più comunemente chiamata chiesa degli Afflitti, si chiama “Libbrescia” perché ne era proprietario un uomo dal cuore magnanimo e pieno di fede: un tal Francesco Brescia. Quest’ apostolo della carità e della Santa Madre Chiesa amava rasserenarsi nello spirito salendo spesso nel piccolo colle dove dinnanzi ad una natura ricca di bellezze soleva elevare la sua anima al cielo sussurrando dolci preghiere a Dio Creatore e alla Santa Madre Celeste. Le orazioni scaturite dal suo spirito anelante di amore e di perdono sovente gli facevano bagnare le gote di calde lacrime per la commozione invadeva tutto il suo essere.Una notte di estate, quando l’arco del cielo era picchiettato di mille stelle e l’argentea luna compiva la danza dei mondi, Francesco Brescia, con gli occhi incantati da quella visione arcana, ristette nella campagna dove era quiete e pace.Si appoggiò un sentiero e presto il sonno s’impadronì delle sue membra. Sognò prima campi fioriti di rose emananti delicati profumi, poi gli parve di ascoltare in lontananza un concerto festoso di campane che si perdeva nella valle ferace e sterminata, infine inondata di una luce rutilante di oro, gli apparve una bellissima signora, la quale ammantata di nero e col viso smilzo e sconvolto da un gran dolore cosi sovente, gli parlò: “Nel posto in cui lunghe teorie di pazienti formiche tracceranno un disegno, là, mi dovrai innalzare un santuario. Io sono la Madonna Consolatrice degli Afflitti” Il pio Francesco ebbe un sussulto, scosso tremò, si svegliò come inebetito. Era l’alba di tanti secoli addietro. Corse in paese e raccontò a tutti quel sogno indimenticabile, le operaie formiche disegnarono il tracciato del santuario e a breve come d’incanto si costruì, tutto il popolo cittadino vi partecipò con grande fede e devozione alla santa Madre Celeste.

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

Photo details

  • Uploaded on April 23, 2011
  • © All Rights Reserved
    by sanprocopio
    • Camera: SONY DSC-P52
    • Taken on 2011/04/22 18:12:57
    • Exposure: 0.003s (1/320)
    • Focal Length: 6.30mm
    • F/Stop: f/8.000
    • ISO Speed: ISO100
    • Exposure Bias: 0.00 EV
    • No flash

Groups