Panoramio is closing. Learn how to back up your data.

Ruderi del Castello di Roccaforte Ligure (Febbraio 2012)

Su un elevato sperone roccioso a picco sulle valli Spinti, Sisola e Borbera si stagliano i ruderi del castello di Roccaforte Ligure. Si tratta della rocca che anticamente proteggeva il sottostante omonimo borgo, che nell’Alto Medioevo faceva parte dei domini temporali della scomparsa Abbazia di Vendèrsi. L’Abbazia fu potente e ricca filiazione del Monastero di San Pietro in Ciel d’Oro a Pavia, ma ebbe vita breve e sfortunata; saccheggiata dai Saraceni nel X Secolo, venne donata insieme con tutti i suoi possedimenti da Re Ugo di Provenza al Vescovo di Tortona. Ricostruita agli inizi del XIII Secolo, fu definitivamente abbandonata a causa di una frana ed oggi non ne resta traccia. Roccaforte Ligure con il suo castello, pertanto, seguì le sorti dell'Abbazia cui era legata ed entrò a far parte dei mandamenti amministrati più o meno direttamente dalla Diocesi e poi dal 1295 dal Comune di Tortona. Dopo una breve parentesi malaspiniana, il tutto venne ceduto agli Spinola, che già possedevano feudi e castelli dall’immediato entroterra genovese fino a tutta la Bassa Valle Scrivia.

Nel 1644 gli Spinola di Roccaforte vennero insigniti del titolo di Marchesi, ed autorizzati a battere moneta. Il dominio dei Marchesi Spinola continuò ininterrotto fino all’arrivo di Napoleone che, nel 1797, abolì i Feudi Imperiali dei quali faceva parte Roccaforte, ma all’epoca il castello era già un rudere abbandonato da tempo.

Show more
Show less

Photo details

  • Uploaded on February 12, 2012
  • © All Rights Reserved
    by GiamesPhoto (Giacomo…
    • Camera: Canon EOS 450D
    • Taken on 2012/02/12 11:36:22
    • Exposure: 0.017s (1/60)
    • Focal Length: 289.00mm
    • F/Stop: f/18.000
    • ISO Speed: ISO100
    • Exposure Bias: 0.00 EV
    • No flash