La Glaciazione

Selected for Google Maps and Google Earth

Automatic slideshow, small and king size:

From here to eternity

(press F11 key to add/toggle full screen)

FROM HERE TO ETERNITY

"La Glaciazione": il titolo è puramente casuale e con una valenza prettamente artistico-evocativa, come premessa al successivo mini-reportage della nevicata a Roma del 4 febbraio 2012, evento decisamente inconsueto per questa città. Trenta centimetri di neve non si vedevano da decenni. Al momento, anche se i geofisici (uno a caso, Bill McGuire, per esempio nel suo "Guida alla fine del mondo", oppure Milutin Milanković) ci dicono e predicono che una futura e per noi abbastanza remota glaciazione è molto probabile, al momento non vi è alcuna prova scientifica che possa stabilire con sufficiente certezza se vi è il pericolo di una imminente glaciazione come quella prospettata nel famoso film "The Day After Tomorrow", l'alba del giorno dopo. Piuttosto sembra più probabile un surriscaldamento complessivo dell'atmosfera terrestre e un clima sempre più estremo. Ma quest'ultima possibilità ci rimanda anche alle ipotesi prospettate nel suo romanzo fantascientifico da Frank Schätzing nel suo "Der Schwarm", "Il quinto giorno", con delle ipotesi che non sono tanto campate per aria. A volte la fantascienza diventa realtà, e le storie di Jules Verne ne costituiscono un esempio. Nella scena finale di "The Thing" ("La cosa", di John Carpenter) i due protagonisti superstiti dicono più meno questo: aspettiamo e vediamo che cosa succede. Le grande grandezze fisiche e processi fisici in gioco sono talmente tanti e le variabili e l'intero processo talmente complessi che qualsiasi predizione risulta aleatoria. Per capirci qualcosa sulla opinabilità e ascientificità di determinate soluzioni al problema del surriscaldamento globale bisognerebbe pure leggersi qualche utile pagina in più, come ad esempio l'ipotesi Gaia, di James Lovelock, ma anche qualche fondamentale passo di "Patatrac!", di Roberto Vacca, specialmente dalla pagina 110 alla 116, ma leggerlo tutto non farebbe poi tanto male alla salute piuttosto che assistere a certi frivoli spettacoli di intrattenimento televisivo. Quid facere? Qualcosa però bisogna fare, non si può stare a guardare agli eventi come dei pezzi di salame, pensando che prima o poi le cose si aggiustino da sè.

Show more
Show less
Save Cancel Want to use bold, italic, links?

Comments (3)

Michele Leonardi - N… on April 20, 2012

Muchas gracias por todos, Mariano!

Saludos desde el Viejo Continente dormido y sin sueños, Michele

Heinz Peierl on April 21, 2012

Gefällt mir.

Like

Viele Grüße von der Mosel

Heinz

Michele Leonardi - N… on April 28, 2012

Vielen Dank Heinz!

Viele Grüße von mir, Mike

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

Photo details

  • Uploaded on April 13, 2012
  • Attribution-No Derivative Works
    by Michele Leonardi - N…

Groups