Risaie e Cascina Melghera, tra palazzi di Trenno e Stadio di San Siro

Selected for Google Maps and Google Earth

Risaie e Cascina Melghera, tra palazzi di Trenno e Stadio di San Siro - MGR281

Show more
Show less
Save Cancel Want to use bold, italic, links?

Comments (11)

toffa77 on May 2, 2012

Bel contrasto Luigi! Peccato per i file dell'alta tensione...ovunque ci si mette, non si riesce a non inquadrarli! ;-) Ciao

©Luigi Petrazzoli on May 2, 2012

Ciao Andrea e ben tornato. Qui, dopo aver cercato che i fili non si sovrapponessero alle costruzioni, avrei anche potuto rimuoverli (e certamente la foto sarebbe migliorata). Sulle panoramiche penso invece che fili e tralicci siano parte integrante del paesaggio agreste/urbano, per cui diventano un simbolo, piacevole o meno, della attuale realtà. Ciao. luigi

toffa77 on May 2, 2012

Infatti Luigi! Comunque la tua foto mi piace perchè integra tutto questo in una composizione davvero suggestiva. A presto!

Sandro & Cristina on May 2, 2012

Certo che a Milano e dintorni, non manca proprio niente, ottimi scatti Luigi, complimenti e like.

Un salutone, Sandro & Cristina

©Luigi Petrazzoli on May 2, 2012

Molte grazie del gentile commento, cari Sandro & Cristina. Speriamo che anche questi antichi ricordi della Milano di un tempo passato non vengano a mancare. Ancora poco tempo fa si parlava che un noto speculatore edilizio stava "spingendo" in tutti modi per renderle fabbricabili. Per il momento sembra non ci sia riuscito, ma non è mai detta la parola definitiva. Ciao. luigi

Giancarlo Ticozzi on May 2, 2012

Quella costruzione che si vede sulla destra dell'immagine, dietro ai palazzi, è mica per caso lo stadio Meazza? Luigi, perchè mi pare di riconoscerlo da quei.. tralicci. Per quanto riguarda i.. fili, di cui ho letto sopra, beh! certo che anche a me il più delle volte viene la voglia di.. segarli, soprattutto quando lo sfondo è così uniforme, però come dici giustamente tu, ormai fanno parte degli odierni paesaggi e guardare poi una foto senza di essi ricordandosi di com'era la scena al momento dello scatto, da quasi la sensazione di non trovarsi più nel medesimo luogo.

Ciao. Gian

Giancarlo Ticozzi on May 2, 2012

Già.. Luigi, lo.. Stadio di San Siro.

Il titolo non l'avevo proprio.. letto.. sob!!! :-(((

Ciao. Gian

effeelle on May 3, 2012

Io li odio, i fili.....ma a Milano, almeno nella mia zona che confina con la campagna verso Chiaravalle, è una lotta impari ..tanto vale la pena fare di necessità virtù e metterli giù bene, come festoni!E quest'anno non mi hanno seminato neanche la colza....solo tralicci e fili....

Ciao!!

Lalla

©Luigi Petrazzoli on May 5, 2012

Cari Gian e Lalla, certo che la presenza dei fili aerei non è il massimo della bellezza, ma anch'essi sono un simbolo della nostra era, come le autostrade e le auto. Come per queste ultime, a mio parere, è importante valutarne l'impatto sull'ambiente vicino. Ricordo gli orribili pali proprio di fronte uscendo dalla Certosa di Chiaravalle fastidiosi come (e anche di più) delle auto spesso parcheggiate a ridosso di importanti chiese, palazzi e monumenti storici. Qui invece non ci sono opere di particolare importanza ed i tralicci con loro cavi non mi pare diano un grande fastidio. Certamente tolgono ai campi ed alle risaie l'aspetto bucolico ma movimentano "piacevolmente" il paesaggio ;-))

Mi viene un poco (amaramente) da ridere quando sento un "superecologista" vantare le auto elettriche "non inquinanti": quanti tralicci e cavi di Alta Tensione dovremmo installare per fornire alle nostre città tutti i KW necessari per muovere le amate scatolette e quante centrali (nucleari?) dovremo costruire per produrre tutta quella energia. Risparmiamo qualche decina di Watt con lampadine a basso consumo e necessiteremo di decine (o centinaia) di KW per i nostri spostamenti privati! :-(((

Ciao. luigi

Giancarlo Ticozzi on May 5, 2012

Luigi, sulla seconda parte del discorso non puoi che avere il mio pensiero, perchè qui tutti parlano di.. auto elettriche, quando noi siamo il paese in cui quest'energia costa almeno il 30% in più che negli altri. E' vero che il motore elettrico non inquina se confrontato con quello a combustione, però il discorso va fatto su tutta la filiera, perchè mica l'energia elettrica cade dal cielo e come dici giustamente tu, per farla bisogna inquinare.. eccome!! soprattutto oggi che non si è ancora trovata il metodo giusto. A parte questo il grosso problema secondo me riguarda poi ancora il.. metodo d'immagazzinarla, mica la si può produrre e usare subito come vogliono farci credere facendo circolare prototipi di veicoli tappezzati di pannelli fotovoltaici, oppure (come nel caso del civile) produrla per cederla alla.. "monopolista Enel" e.. nel contempo attingerla nuovamente da.. lei, sperando in un'effimero risparmio. Bisognerebbe che ognuno avesse la possibilità (secondo l'impianto installato) di prodursela e utilizzarla, poi la mancante che necessita attingerla dalla rete e.. basta!! Se riesco a produrre quello che mi serve, perchè dovrei pagare la bolletta?? Invece di farmi fare tutto questo giro di.. parole ma soprattutto di soldi? E.. intanto "paghiamo tutti" per incentivare questi impianti che non risolveranno.. nulla, in termini di risparmio per le nostre tasche, ma daranno solo profitti ad altri enti e tutti quelli che non cacciano i loro soldi per costruire gli impianti. Ritornando poi alle.. auto elettriche Luigi, recentemente ho letto da qualche parte (Quattroruote mi pare) che si sono verificati grossi problemi alle.. "batterie al litio", che sono letteralmente.. esplose in fase di ricarica!! Ti ricordi qualche anno fa con quelle Sony dei computer, che ne hanno sostituite a.. milioni in tutto il mondo? La stessa cosa!! Poi sono ancora.. "troppo costose" e quando si acquista una di queste auto è meglio prenderle in affitto tramite canone, perchè sennò al termine della loro vita nel sostituirle costerebbero più del valore residuo del veicolo, rob da.. matt! Con ciò non è che voglia difendere a oltranza gli.. "idrocarburi", però non vorrei nemmeno che dietro il "paravento elettrico" ci fossero poi ancora loro e con.. nuovi problemi, un po come per le normative.. "euro 5, euro 6, euro minch.." per i motori diesel hanno introdotto le famigerate "trappole antiparticolato", in cui bisogna.. tirare come una bestia (consumando di più) per.. rigenerarle, perchè se uno viaggia tranquillo non lo fanno e rovinano l'olio lubrificante e di conseguenza il motore. Ma non sarebbe meglio produrre carburanti puliti??

Ora la smetto e ti saluto, altrimenti mi.. arrabbio! Ciao. Gian

©Luigi Petrazzoli on May 6, 2012

Gian, la soluzione radicale per rendere più pulito il gasolio è una sola: proseguire la distillazione fino a produrre solo benzina. Ma il gasolio, proprio per il minor costo di raffinazione aveva il vantaggio di poter essere venduto ad un costo minore. Oggi, tuttavia, tra il costo alla pompa, di poco inferiore a quello della benzina, ed il filtro antiparticolato, il vantaggio economico si è ridotto di molto. Riguardo l'autoproduzione di energia elettrica, gli enti produttori reclamano il fatto che loro dovrebbero, comunque, garantire la fornitura a chi è allacciato ai loro impianti, e questo ha una certa logica: se producessi tutta l'energia che mi serve (impianto ad isola) "teoricamente" non dovrei pagare niente. Ma nessuno, con impianti esclusivamente solari, se la sente di rischiare di restare "al buio" ed anzi chiede che sia il gestore ad assorbire (ed a pagare) il surplus di produzione (impianti in parallelo). Poi ci si mette pure la legge, che nel caso l'autoproduttore sia un condominio, non ritiene sufficiente la figura dell'amministratore dello stesso, ma considera il condominio al pari di una società, con tutti gli obblighi gestionali che fanno capo all'ulteriore figura di amministratore della società! :-(((((((((

Ciao. luigi

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

WorldItalyLombardy

Photo taken in Milan, Metropolitan City of Milan, Italy

Photo details

  • Uploaded on May 1, 2012
  • Attribution-Noncommercial-No Derivative Works
    by ©Luigi Petrazzoli
    • Camera: NIKON CORPORATION NIKON D5100
    • Taken on 2012/04/28 17:22:51
    • Exposure: 0.001s (1/800)
    • Focal Length: 85.00mm
    • F/Stop: f/8.000
    • ISO Speed: ISO160
    • Exposure Bias: 0.00 EV
    • No flash

Groups