Segnaletica intelligente - Atto secondo (6/6/2003)

Selected for Google Maps and Google Earth

Orrido di Bellano - LC

Show more
Show less
Save Cancel Want to use bold, italic, links?

Comments (24)

« Previous12Next »
Ilda Casati on January 27, 2013

E io ringrazio te Luigi e gli altri amici perché il contributo è vostro. E poi, ripeto, ci fa sempre bene sorridere un po'. Un abbraccio. Ilda

Ilda Casati on May 8, 2014

Ho aggiunto in coda un'ulteriore segnaletica insolita

☆´¨☆.¸¸.☆´¨☆.¸¸.☆´¨☆.¸¸.☆¸¸.☆´¨☆.¸¸.☆

A destra o a sinistra

Attento alla testa 1

Attento alla testa 2

Lugubre

Giorni delle processioni

Andare a caso

Stop 1

Stop 2

Brusco rallentamento

Accesso impossibile

Ci si mette pure Lenin

Pericoli vicendevoli

Doveroso rispetto

Tutti insieme appassionatamente

Mare grosso

☆´¨☆.¸¸.☆´¨☆.¸¸.☆´¨☆.¸¸.☆¸¸.☆´¨☆.¸¸.☆

Ilda Casati on October 9, 2014

Dal "Corriere della Sera" - 9 ottobre 2014

Tanto rumore per nulla. La secolare cascata dell’Orrido sopravviverà, nonostante il frastuono che ha innescato le denunce dei residenti e spaccato in due un paese. E il Comune di Bellano non pagherà la multa (1.032 euro) inflitta dall’Arpa per l’inquinamento acustico provocato dai salti d’acqua fra i canyon di rocce, uno spettacolo naturale che ogni anno calamita nell’oasi protetta sulla sponda lecchese del lago di Como migliaia di turisti (80% stranieri). Anche se rimane la violazione dei decibel rilevata dall’Arpa. Non c’è ancora il sigillo dell’ufficialità, ma nel vertice di mercoledì il prefetto di Lecco, Antonia Bellomo, ha mediato fra il sindaco di Bellano, Roberto Santalucia (centrosinistra), e i dirigenti dell’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente, raggiungendo un «accordo giuridicamente soddisfacente». In sostanza, il caso sarà archiviato, grazie a un escamotage giuridico. Conferma il sindaco Santalucia: «Grazie alla collaborazione del prefetto e dell’Arpa, è stato impostato un percorso che garantirà una soluzione. La cascata non sarà zittita, piuttosto si avvierà un procedimento che potrebbe portare all’archiviazione del contenzioso. La Prefettura si attiverà per individuare gli elementi che consentiranno di produrre un atto giuridicamente sostenibile». Dunque, pace fatta sull’Orrido, anche se rimane un ultimo nodo da sciogliere: chi è il proprietario della cascata? Non lo è il Comune di Bellano, non lo è la Regione, non lo è l’Hydro Energy Power, la società che sfrutta i salti d’acqua per produrre energia elettrica con la sua piccola centrale. Un giallo che nei prossimi giorni la Prefettura tenterà di risolvere.

Paolo Marelli

« Previous12Next »

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

Photo details

  • Uploaded on January 16, 2008
  • Attribution-Noncommercial-No Derivative Works
    by Ilda Casati

Groups