Lakki (Portolago)

Selected for Google Maps and Google Earth

Il primo governatore, Mario Lago, fu apprezzato dalle comunità greche, turche ed ebree dell'isola dando al Dodecaneso un cosiddetto "periodo d'oro" tra il 1923 ed il 1936. Lago attuó in questi anni una politica lungimirante e rispettosa dell'identità etnica e culturale degli abitanti della colonia, creando anche un grande piano di opere pubbliche a Rodi e nelle altre isole.

In suo onore venne edificata la nuova città di Portolago (base della Regia Marina nell'isola di Lero) ed il villaggio agricolo di Peveragno Rodio, centro di insediamento di coloni italiani. In questo villaggio la "Società Agricola Frutticoltura" aveva acquistato da latifondisti turchi una vasta estensione (3500 ettari) di terreno incolto in località Calamona e vi realizzò un moderno comprensorio piantato ad olivi, viti, gelsi e piante da frutto. Il centro agricolo fu battezzato Peveragno Rodio, luogo natale del governatore Lago, e fu dotato di tutti i servizi e delle officine per la lavorazione e trasformazione dei prodotti. Vi abitavano alcune centinaia di famiglie coloniche provenienti dall' Italia (ma con la cessione di Rodi alla Grecia nel 1947, il villaggio e l'azienda vennero abbandonati). Città ed edifici La pianta della città è articolata su due piazze, una centrale all'aggregato urbano e l'altra posta sul lungomare, che seguono un'arteria principale, approssimativamente, un Cardo, da nord a sud. Nella piazza centrale della città si incrociano altre arterie, una da assimilarsi ad un Decumano, all'incirca da est ad ovest ed altre due che provenienti dal mare formano un ellissoide, che taglia quasi diagonalmente la città. In questa articolazione v'è effettivamente un riallaccio compositivo che ricorda Sabaudia. Vengono individuate le varie funzioni urbane, che seguono il principio razionalista dello “zoning”, così di focalizzano le aree: direzionali, commerciali, i quartieri abitativi; le varie attrezzature: religiose, scolastiche, sportive, militari e del tempo libero. In particolare si crea un lungomare e diversi parchi. Le strade sono ampie, con lunghi filari alberati di eucalipti, gli isolati non sono simmetrici e gli angoli sono arrotondati. Qualche commentatore ha voluto riconoscere in queste dimensioni stradali la vocazione militare della città, e le sue relative esigenze. La tesi appare legata alla visione fascista, che per molti anni ha contraddistinto il nuovo insediamento, che una lettura più attenta ha in questi ultimi anni smentito. (Wikipedia)

Show more
Show less
Save Cancel Want to use bold, italic, links?

Comments (84)

Красивое фото! F+L, С Новым 2015 годом!!! Fen

Giorgos Dimitriadis on January 1

Thanks a lot Fen for kind comment and YsL 19/41

excellent shot F+L

Giorgos Dimitriadis on January 2

Thanks a lot Shain for nice comment and YsL 20/42

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

Photo details

  • Uploaded on May 21, 2012
  • © All Rights Reserved
    by Giorgos Dimitriadis
    • Camera: NIKON CORPORATION NIKON D80
    • Taken on 2008/08/28 18:50:28
    • Exposure: 0.002s (1/500)
    • Focal Length: 18.00mm
    • F/Stop: f/3.500
    • ISO Speed: ISO125
    • Exposure Bias: 0.00 EV
    • No flash

Groups