Magnifico ponte romano sul Rio Furelos - 8/8/2005

Selected for Google Maps and Google Earth

Comments (3)

Carlo Pelagalli on January 12, 2009

Sono d'accordo, Ilda, questo ponte è davvero magnifico. Immaginare quante persone nei suoi venti secoli di esistenza lo hanno attraversato! Per andare dove e per che cosa ... e adesso ti annoierò un po' con una delle mie storie... I vecchi bolognesi sanno che per sapere se verrà a piovere o no bisogna guardare "al bus d'la Jacma", che letteralmente si traduce in "il buco della Giacoma". E che cos'è questo "bus d'la Jacma" ? E' un termine che identifica una direzione, grosso modo verso sud-ovest, verso l'appennino, e che coincide con la direzione con cui la valle del Reno si affaccia a Bologna. Quando il "bus d'la Jacma" è nero di nuvole, nel giro di circa un'ora, verrà a piovere. E perchè si chiama "buco della Giacoma", chi è questa Giacoma ? Quando nel medio evo si sparse la voce del ritrovamento miracoloso delle spoglie dell'apostolo Giacomo, migliaia di pellegrini, come ben sai, iniziarono il viaggio per raggiungere il luogo che oggi è Santiago di Compostela, e la via che i bolognesi percorrevano prevedeva l'attraversamento dell'appennino lungo la valle del Reno per quella via naturale che fu ribattezzata, per l'occasione "via Giacoma" ... Un altro relitto del passato è il termine "pellegrino" con cui noi bolognesi (e non solo) identifichiamo una conchiglia molto comune nei nostri mari... conchiglie che i pellegrini portavano con se come bicchiere naturale (la conchiglia è anche simbolo della compagnia della Beata Vergine di San Luca, nota anche come compagnia dei Domenichini, in quanto, secondo la tradizione, l'immagine della Madonna di San Luca (una delle immagini dipinte dall'apostolo Luca), ora custodita nel santuario in cima al Colle della Guardia, sarebbe stata portata a Bologna da Costantinopoli da un pellegrino greco di nome Teocle Kmnia ... Ho letto nei vari commenti dei lieti eventi che sono avvenuti di recente e che è andato tutto benissimo . Ne sono davvero contento e mi felicito con te. Un abbraccio, Carlo

Ilda Casati on January 12, 2009

Carlo quanto ti sei prodigato per farmi pervenire quelle interessanti notizie! Non so come ringraziarti. Quindi il "buco" è semplicemente una porzione di cielo in una determinata posizione. Ma è vero che il pronostico della pioggia l'azzecca sempre quando è nero? Dev'esserci un'interessante giustificazione scientifica. Durante il Cammino quasi tutti i pellegrini avevano la conchiglia che basculava dai loro zaini. Qualcuno aveva la zucca vuota. Sapevo che San Luca fu autore di icone. Era un artista ed anche uno storico.

Il matrimonio di mia figlia è stato semplicemente splendido, in tutti i sensi. Grazie per le felicitazioni che mi fanno tanto piacere. Un abbraccio. Ilda

Carlo Pelagalli on January 14, 2009

Sì, Ilda, il "buco" è una porzione di cielo e "funziona" perfettamente con le perturbazioni provenienti dall'Atlantico: la depressione, causa della perturbazione genera venti che ruotano attorno alla depressione stessa in senso antiorario e questo fa sì che, avvicinandosi alle nostre regioni, i primi venti vengano da sud-ovest (grosso modo) e vengono incanalati nelle valli dell'Appennino, dove ovviamente c'è l'Appennino! Quindi il maltempo associato alle depressioni di origine atlantica viene da quella direzione, dal "bus d'la Jacma"! Interessante sapere che la conchiglia è rimasta nel corredo del pellegrino .. . anche se forse ha perso la sua funzione originaria ? La tradizione bolognese vuole che l'immagine custodita sul monte della Guardia sia stata dipinta da San Luca. In realtà in tutta Europa si contano alcune centinaia di icone che si dicono dipinte da San Luca. Se dubbi, legittimi, ci possono essere sulla reale origine di queste immagini, ciò che conta in realtà è il sentimento che generano, sentimento che non dipende da ciò che l'immagine è, ma da ciò che rappresenta: la "Madre di Dio" (Theotokos), "Colei che indica la via" (Hodigitria) ed in senso traslato, quella meravigliosità che è la maternità... Noi bolognesi vogliamo molto bene alla nostra Madonna di San Luca! Un caro saluto, Carlo.

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

Photo details

  • Uploaded on January 30, 2008
  • Attribution-Noncommercial-No Derivative Works
    by Ilda Casati

Groups