Fontana delle tartarughe

Selected for Google Maps and Google Earth

Info English


La fontana delle Tartarughe è un piccolo gioiello e una splendida sorpresa in uno degli angoli più pittoreschi e ricchi di storia a Roma. In realtà proprio le tartarughe, che danno il nome alla fontana, furono aggiunte solo in un secondo momento: durante un restauro voluto nel 1658 da papa Alessandro VII, ricordato qui con un cartiglio di marmo. Forse furono create proprio da Bernini.

Quelle che vediamo oggi, purtroppo, sono delle copie, da quando, nel 1979, una fu rubata nottetempo. Le tre tartarughe superstiti, sono conservate ai Musei Capitolini.

Si trova nel rione Sant'Angelo, in prossimità del Ghetto ebraico e orna la piccola piazza Mattei, dal nome dalla potentissima famiglia, che possedeva tutti i palazzi che circondano la piazza.

Come la Fontana di Trevi e come molte fontane del centro di Roma, anche questa è alimentata dall'Acquedotto Vergine, che disseta i romani sin dai tempi dell'Imperatore Augusto.

Alla fine del 1500, all'inizio della sua storia, la fontana era stata prevista nella vicina piazza Giudea, dove si trovava un mercato, ma Muzio Mattei insisteva perché venisse costruita proprio davanti al suo palazzo.

La famiglia, in cambio, si impegnò a pavimentare la piazza e a tenere pulita la fontana.

La progettò Giacomo della Porta, il creatore delle due fontane alle estremità di piazza Navona. Ma la fontana subì molte variazioni in corso d'opera: la decorazione all'inizio prevedeva quattro efebi e otto delfini, in marmo, ma che poi furono fatti in bronzo. Quando i lavori furono conclusi, quattro dei delfini non vennero più utilizzati, perché la scarsa pressione dell'acqua non permetteva un getto molto potente; così furono “riciclati” in un'altra fontana, che ora si trova in piazza della Chiesa Nuova.

Ciò che si ammira oggi è una vasca quadrata con quattro conchiglie di marmo, su un basamento che sostiene un'altra vasca, decorata da teste di putti. I quattro efebi poggiano il piede sui delfini tenendo in mano le loro code e spingono a bere le piccole tartarughe.

Show more
Show less
Save Cancel Want to use bold, italic, links?

Comments (8)

gio bernabei e betta on May 4, 2013

ciao, bellissima foto Dany, proprio un delizioso piccolo gioiello! like, Gio e Betta

Daniela Brocca on May 4, 2013

Grzie, cari Gio e Betta,ultime foto dell'ultima mattinata a Roma. questa fontana non l'avevo mai vista, se non nelle foto di altri.Sono stata fortunata.Un abbraccio,Dany

Dottor Topy on May 5, 2013

Roma ti ha proprio ispirato!E' strano che tu non abbia mai visto la fontana,è proprio vicino al ghetto e ci siamo stati

Daniela Brocca on May 5, 2013

Sì,Dotty, a parte la visita al Colosseo, che io non amo molto. Il cielo era grigio e non c'è una foto decente, secondo me. La fontana non l'avevo proprio vista. Ciao,Dany

Giancarlo Ticozzi on May 5, 2013

Mai.. vista la fontana Dany e che da queste parti ci sono passato diverse volte. Sono della stessa specie di quelle tartarughe della Burcina sui sassi che si scaldano al sole.

Ciao. Gian

Daniela Brocca on May 5, 2013

Neanch'io l'avevo mai vista e anche stavolta è stato un caso, Gian. Ciao,Dany

roeli bindels on June 16, 2013

lovely capture!!! gr.roeli

Daniela Brocca on June 17, 2013

Thank you so much, Roeli.Greetings, Daniela

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

Photo details

  • Uploaded on May 4, 2013
  • © All Rights Reserved
    by Daniela Brocca
    • Camera: Panasonic DMC-FZ28
    • Taken on 2012/10/15 11:54:38
    • Exposure: 0.005s (1/200)
    • Focal Length: 23.00mm
    • F/Stop: f/4.000
    • ISO Speed: ISO100
    • Exposure Bias: -0.66 EV
    • No flash

Groups