xaM. Momento vissuto

Not selected for Google Earth or Google Maps [?]

Comments (6)

grecik on June 1, 2013

Momento vissuto :) Il tuo momento vissuto, la prima foto caricata dopo il tuo rientro su Pan, ha una forte dose del colore azzurro anche fuori dal mare. E ha anche un'unica etichetta. Beh i momenti vissuti hanno i loro colori, profumi e rimbalzano nella memoria con i suoni. E il suono del mare è la più bella composizione musicale che la natura ci ha generosamente regalato. Questa foto Max racconta in una maniera splendida la tua comunione con il mare nel bene e nel male. Se l'espressione "per sempre" associata alle vicende tra gli umani ti fa sorridere, in questo azzurro chiaro, trasparente, tuo, trova il suo senso. Complimenti con stella :)

xaM-Max on June 1, 2013

Stanno mandando alla radio un vecchio pezzo: born to be alive, ecco forse è tutto nel titolo di questa vecchia canzone. Io sono fortunato perchè ho avuto la possibilità di vivere il mare, anche se ora non mi è più possibile viverlo come ho fatto fino a poco tempo fa. L'espressione per sempre mi fa sorridere perché spesso non è sincera, ma se e che grande se, io riesco nel momento in cui vivo a immedesimarlo come momento per sempre, allora quel momento lo avrò vissuto pienamente, qualunque esso sia, gioa o dolore, non importa, è il mio momento. E questa foto rappresenta molto di più quello che intendo dell'altra che avevo caricato in precedenza, anche se era molto più colorata. Grazie per le tue belle parole GretA, sei riuscita a leggermi molto bene. Max

Marina T on June 1, 2013

Max grazie prima di tutto della stella

mi spiace averne perse sui tuoi scatti... me li ricordo ancora bene anche se sono spariti dalla vecchia galleria e spero che troverai tempo di riportarli piano piano qui su PAN

like 2 & ys 2 su questo angolino fantastico affacciato sul mare

ciao Marina

xaM-Max on June 1, 2013

Un angolino al quale sono particolarmente affezionato e che mi fa piacere condividere con voi. Le vecchie foto non le riproporrò tutte, ma sono contento che alcune siano ricordate. Un ciaoo di ringraziamento. Max

xaM-Max on May 23, 2014

Su alcuni mezzi pubblici di Roma, molto vecchi, ci sono ancora le targhette che indicano i posti a sedere riservati ai "minorati fisici". Minorati fisici che poi nell'inglesizzazione subita dalla lingua italiana sono divenuti "handicappati" e successivamente e aggiungo anche un po' ipocritamente, "diversamente abili". Questo post però non vuole parlare di grammatica o di semantica, vuole parlare di emozione e rimarcare il fatto che l'abitudine a vedere le "cose", porta inevitabilmente ad assuefarsi a quelle "cose", a dare un senso, forse inconscio, che le "cose" siano così e non si possano cambiare. Io invece credo il contrario, credo che le "cose" possano essere cambiate, ma per cambiarle bisogna essere "diversamente emozionabili" ovvero essere emozionabili da ciò che sentiamo dentro, nel profondo e noi che siamo "fisicamnete normali" abbiamo a maggior ragione il dovere di provarci senza addurre scuse, perché semplicemente non ne abbiamo. Emozione significa proprio far emergere ciò che noi tutti abbiamo, di individuale e quindi di sacro, che ci caratterizza, ci rende unici e non omologabili dalle "cose" esterne a noi, che spesso, troppo spesso, inducono emozioni che non ci appartengono. Da quando sono su Pan, oramai a ottobre saranno 4 anni, la mia vita ha subito degli alti e bassi notevoli. Chi mi ha seguito, anche nella cancellazione del mio vecchio profilo, forse ha potuto intuire questo. Oltre alle vicissitudini professionali, anzi oltre tutto ciò che mi è capitato, compreso la perdita di due amici carissimi, un incidente alla schiena mi aveva fatto credere di non poter più volare e io per un periodo l'ho creduto. Le "cose" intorno a me, mi inducevano a crederlo, ma appunto era un'induzione. A tutti voi che mi avete regalato emozioni, a me e a Stella, la mia compagna e mai nome fu più pertinente :)) a tutti noi, "diversamente emozionabili", ovvero "handicappati", perché emozionarsi è un handicap in un mondo che aliena le emozioni, che sappiamo volare ... e non ha nessuna importanza con quale mezzo lo facciamo, l'importante è crederci e che sia nostro nel profondo, dedico questo video dove ci sono due emozioni: una è indotta, quindi falsa, l'altra è sentita, quindi vera !!! :)) Max

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

This photo is currently not mapped.

Suggest location

Photo details

  • Uploaded on May 29, 2013
  • © All Rights Reserved
    by xaM-Max

Groups