xaM. Mare...murato

Selected for Google Maps and Google Earth

Comments (32)

« Previous12Next »
xaM-Max on September 6, 2013

Contento ti piaccia Marina ... non si può murare il mare, per fortuna !!! :)) Come ho detto nei commenti precedenti è uno scatto che mi ha impegnato molto e che sono soddisfatto per come mi è venuto, riesce ad essere molto simbolico. Nonostante le difficoltà (i cardi), nonostante gli ingabbiamenti (i muri), abbiamo la possibilità di spaziare (il mare). Possiamo farlo in tanti modi, sia con il pensiero, sia con le nostre azioni, l'importante è essere consapevoli dei cardi e dei muri :)) Anche per rispondere a Patrizio. Il fancazzismo presuppone fantasia, ma anche una forte consapevolezza dei limiti. Tutto può essere insignificante oppure importantissimo e in questa vastità, definita appunto da questi due limiti, il fancazzista non può che essere leggero. E' al di sopra delle sue capacità riuscire ad afferrare tale vastità ... non può murare il mare !!! :)) Grazie Marina per apprezzare e per avermi dato la possibilità, ritornando su questa foto, di spiegarla in modo più approfondito...ma che dico? più leggero :)) Ciaoo, Max

Patrizio Rigobello on September 6, 2013

La leggerezza come scelta di una visione delle cose del mondo è l'opposto della superficialità, quindi hai pienamente ragione Max. Al contrario c'è la pesantezza. Mentre la leggerezza è un aliante che porta lontano, a nuove visioni, all'interesse della novità, la pesantezza è un ritorno, un pesante ritorno alle cose già viste ma senza rivederle nella loro freschezza o nella loro bellezza da ricordare, ma solo all'inutilità di un passato che non esprime note gioiose e nemmeno positive. Ciao, Patrizio

xaM-Max on September 7, 2013

"Ho la sensibilità tanto a fior d'immaginazione che quasi piango, e sono un'altra volta il bambino felice che non fui mai,e i boschi e i giochi,e, alla fine di tutto, soltanto la superflua realtà della Vita". Ho cercato queste parole su internet e non le ho trovate, sono di Fernando Pessoa "Lettera a un poeta", scritta probabilmente nel 1914 e pubblicata a Parigi nel 1966. Quasi sicuramente non fu mai spedita, ammesso che il destinatario esistesse davvero e non fosse destinata a se stesso. Patrizio in questa foto io posso vedere sia la tragedia del terremoto che nel 1953 devastò queste terre, a Itaca e a Cefalonia ci sono molte case testimoni mute di tale tragedia, che provocò decine di miglia di morti oppure posso vedere il mare, che amo e che sento in modo profondo per tutto ciò che mi ha regalato e che mi ha insegnato. E allora qual è la realtà? Un fancazzista non può governare questi estremi, ne è però consapevole e allora per reazione si sgancia e diventa leggero per sopravvivere, troppo pesante la superflua realtà della vita. Sarebbe sufficiente non sapere del terremoto e tutto sarebbe più semplice in questa foto...però falso ! Una foto che però non avrei scattato se non avessi saputo del terremoto e se non amassi il mare e soprattutto se non fossi stato in bici. E' un ricordo molto forte. Quando ho visto questa casa sono passato oltre, ma poi questi pensieri sono arrivati tutti insieme e questo è possibile solo in bici, che mi dà la possibilità di pensare, quando l'acido lattico me lo consente :)) e sono tornato indietro e ho cercato di comporli in questo scatto e mi sono impegnato molto per realizzarlo, ho preteso il massimo sia da me che dalla mia macchina..."Esiga da se stesso quel che non potrà mai ottenere. Non è altro il cammino della Bellezza", sempre di Pessoa da "Lettera a un poeta"... per ritornare appunto al discorso del bello ! :)) Ciaoo Patrizio e grazie per i tuoi pensieri che sono sempre stimolanti per me. Max

Patrizio Rigobello on September 7, 2013

E mi accorgo Max che a volte i miei pensieri non riescono sempre a esprimere quello che vorrei, perché la leggerezza è un pregio e la pesantezza è un modo di ricordare, io cerco di esprimermi con leggerezza e di ricordare anche le ferite del mondo con leggerezza. Ciao, Patrizio

xaM-Max on September 7, 2013

Nessuno è in grado di esprimere pienamente ciò che sente, è un limite. I limiti servono, sono indispensabili, senza di essi non avremmo stimoli, anche se esistono esseri umani che pensano di non averne e sono quelli più pericolosi. Ciao, Max

Patrizio Rigobello on September 7, 2013

Indubbiamente questo è vero. Troppa sicurezza crea facilmente errori.

zhsv on December 16, 2013

| | | Very creative ! Nice image ! Like,
• • • regards from Minsk ! zhsv

xaM-Max on December 16, 2013

Really thanks zhsv ! Ciao, Max

Vanni Lazzari on February 11, 2014

Molto bella, like. Saluti Vanni

xaM-Max on February 11, 2014

Grazie Vanni ! Ciao, Max

Очень красивая линия перспективы!

Людмила

xaM-Max on May 13, 2014

Grazie Людмила ! Ciao, Max

« Previous12Next »

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

Photo details

  • Uploaded on June 21, 2013
  • © All Rights Reserved
    by xaM-Max
    • Camera: Canon PowerShot A3100 IS
    • Taken on 2011/09/17 11:15:32
    • Exposure: 0.004s (1/250)
    • Focal Length: 6.20mm
    • F/Stop: f/8.000
    • ISO Speed: ISO80
    • Exposure Bias: 0.00 EV
    • No flash

Groups