Napoli, Scale di Montesanto

Not selected for Google Earth or Google Maps after a second review [?]

Comments (13)

photosofghosts on September 28, 2013

Splendido, questo occhio impietoso sulla città, il suo degrado e la sua quotidianeità , like !
Ciao
fabio

**SAVE PANORAMIO**es… on September 29, 2013

I cani ti guardano con l'occhio vigile e sospettoso dei guappi di quartiere. Mi viene in mente una mia vecchia foto che forse ricordi...

annamaria penna on October 2, 2013

Manca il famoso mastino napoletano, con la faccia da bullo di quartiere..Montesanto, chi non lo conosce non e' napoletano.

Silvana Berardelli on October 2, 2013

Grazie, Fabio, per l'espressione occhio impietoso, che mi porta ad interrogarmi se sia davvero così e quanto...Sono andata a riguardare la tua vecchia foto, Raffaele, e nel mio commento traspare proprio uno sguardo impietoso, forse troppo...E sempre a proposito di sguardi, per la verità invece i cani a me qui sembrano avere un'espressione dolce...Annamaria, Montesanto non mi piace, eppure mi piace...

The Red on October 4, 2013

Non mi piace eppure ci vivo, vorrei andare via ma non ci riesco, è bella ma la odio. Napoli mi suscita sempre di più sentimenti contrastanti...il problema sono io ma il fatto che questo mio problema sia comune anche ad altre persone non fa altro che aumentare le mie preoccupazioni. Scusate l'amaro sfogo, è un periodo un pò così...

**SAVE PANORAMIO**es… on October 4, 2013

Io ci ho vissuto, in alcuni periodi. Napoli è una parte delle mie radici. La parte paterna. Napoli è una città soprattutto viscerale, nel senso meno banale del termine, nel senso di Matilde Serao. Obbliga a guardare oltre che fuori, anche dentro: le cose, le immagini, i sentimenti, le idee, i sapori e così via. E oltre a guardare anche a vivere. E qui sta il punto critico. Vivere senza dimenticare le viscere. Cosa non sempre facile da realizzare con equilibrio e autenticità. Altrimenti le viscere tendono ad imporre la loro legge ferina, primordiale. L'arte di sopravvivere di cui Napoli è maestra da sempre...

Giovanni Mirgovi on October 29, 2013

Chissà se i cani sono contenti di vivere a Napoli...

**SAVE PANORAMIO**es… on October 29, 2013

Forse, se randagi, qualcosa da mangiare lo trovano sempre, visto che i cassonetti, specie in certi quartieri, sono un elemento d'arredo urbano praticamente strabordante di tutto, anche di materia commestibile...

annamaria penna on October 30, 2013

No i cani non vivono bene a Napoli, c'e' smog, pochissimo verde, poco spazio, io un cane a Napoli non lo porterei...

Silvana Berardelli on October 30, 2013

Dove mai vivrebbero bene i cani randagi? Comunque a Napoli al centro se ne incontrano pochi, e solitari... Nelle periferie molti di più ed in branco...Anche se c'è poco verde e poco spazio io li vedo felici ed orgogliosi quando sono al giunzaglio dei loro padroni...Scherzo, grazie a tutti, Nello, Raffaele, Giovanni ed Annamaria...

annamaria penna on October 30, 2013

Ciao Silvana,penso anche che nei quartieri periferici, dove magari c'e' ancora un poco di campagna, ci siano piu' cani e non solo randagi; ma considerando che in tutta la zona centrale non c'e' un solo giardino pubblico faccio fatica a immaginare un cane al guinzaglio.... ho visto anche io cani felici, e visto il business che c'e' intorno al migliore amico dell'uomo, qui, direi che non hanno alcun motivo di lamentarsi.

Lothar for Panoramio on January 16, 2014

L&F und LIEBLINGSFOTOGRAF!!! Ciao, Ciao.

Silvana Berardelli on January 20, 2014

Grazie, Lothar...Sono contenta della tua attenzione...

Sign up to comment. Sign in if you already did it.

Photo details

  • Uploaded on September 28, 2013
  • © All Rights Reserved
    by Silvana Berardelli
    • Camera: NIKON CORPORATION NIKON D5000
    • Taken on 2013/01/29 15:06:29
    • Exposure: 0.008s (1/125)
    • Focal Length: 55.00mm
    • F/Stop: f/5.600
    • ISO Speed: ISO200
    • Exposure Bias: 0.00 EV
    • No flash

Groups