biribing
758
photos
419
on Google Maps
views
« Previous12345678...3132Next »

biribing's conversations

Juha Mielikäinen

Oh, yes, I was lucky ~~~ 1OOO thanks for your comment

and the L:35.

Best greetings from south Europe, Kostas :-)

Complimenti. Le mani nel cielo :-)

A causa di una frana di vaste proporzioni, nel 1963 Craco fu evacuata e l'abitato trasferito a valle, in località Craco Peschiera. Allora il centro contava oltre 2000 abitanti. La frana che ha obbligato la popolazione ad abbandonare le proprie case sembra essere stata provocata da lavori di infrastrutturazione, fogne e reti idriche, a servizio dell'abitato. Ad onta di questo esodo forzato, Craco è rimasta intatta, trasformandosi in una specie di paese fantasma, caso raro nel suo genere. Oggi non è più possibile percorrerne le strade; il comune, nella realizzazione di un piano di recupero del borgo, ha istituito, dalla primavera del 2011, un percorso di visita guidata, lungo un itinerario messo in sicurezza, che permette di percorrere il corso principale del paese, fino a giungere a quello che resta della vecchia piazza principale, sprofondata in seguito alla frana. Lo stesso comune prevede, tra l'altro, probabilmente entro l'autunno del 2011, l'apertura di un secondo itinerario, nella parte più alta del borgo, l'unica che poggia esclusivamente sulle rocce e non sull'argilla (per questo, più sicura).

A causa di una frana di vaste proporzioni, nel 1963 Craco fu evacuata e l'abitato trasferito a valle, in località Craco Peschiera. Allora il centro contava oltre 2000 abitanti. La frana che ha obbligato la popolazione ad abbandonare le proprie case sembra essere stata provocata da lavori di infrastrutturazione, fogne e reti idriche, a servizio dell'abitato. Ad onta di questo esodo forzato, Craco è rimasta intatta, trasformandosi in una specie di paese fantasma, caso raro nel suo genere. Oggi non è più possibile percorrerne le strade; il comune, nella realizzazione di un piano di recupero del borgo, ha istituito, dalla primavera del 2011, un percorso di visita guidata, lungo un itinerario messo in sicurezza, che permette di percorrere il corso principale del paese, fino a giungere a quello che resta della vecchia piazza principale, sprofondata in seguito alla frana. Lo stesso comune prevede, tra l'altro, probabilmente entro l'autunno del 2011, l'apertura di un secondo itinerario, nella parte più alta del borgo, l'unica che poggia esclusivamente sulle rocce e non sull'argilla (per questo, più sicura).

A causa di una frana di vaste proporzioni, nel 1963 Craco fu evacuata e l'abitato trasferito a valle, in località Craco Peschiera. Allora il centro contava oltre 2000 abitanti. La frana che ha obbligato la popolazione ad abbandonare le proprie case sembra essere stata provocata da lavori di infrastrutturazione, fogne e reti idriche, a servizio dell'abitato. Ad onta di questo esodo forzato, Craco è rimasta intatta, trasformandosi in una specie di paese fantasma, caso raro nel suo genere. Oggi non è più possibile percorrerne le strade; il comune, nella realizzazione di un piano di recupero del borgo, ha istituito, dalla primavera del 2011, un percorso di visita guidata, lungo un itinerario messo in sicurezza, che permette di percorrere il corso principale del paese, fino a giungere a quello che resta della vecchia piazza principale, sprofondata in seguito alla frana. Lo stesso comune prevede, tra l'altro, probabilmente entro l'autunno del 2011, l'apertura di un secondo itinerario, nella parte più alta del borgo, l'unica che poggia esclusivamente sulle rocce e non sull'argilla (per questo, più sicura).

Steve Bennett

1OOO thanks Steve 4 the comment and the L:269.

Best greetings, Kostas :-)

Amazing capture!

Like1

Greetings from Bulgaria, Zaro

Splendid image!

Like1

Greetings from Bulgaria, Zaro

bella esposizione Tommaso. ma con il tempo di 8s hai usato il cavalletto?

« Previous123Next »

Friends

  • loading Loading…

 

biribing's groups